I tuoi risultati di ricerca

Come si organizza un Open House Immobiliare

Pubblicato da Casa Castelli Immobiliare il Ottobre 12, 2022
0
Open House

L’Open House è un tipo di approccio alla vendita completamente diverso dall’impostazione tradizionale. Si tratta di un metodo che sovverte completamente il rapporto con gli aspiranti acquirenti dell’immobile in vendita. Con l’open house, infatti, cade il concetto di visita dell’immobile singola, quindi del rapporto a tu per tu tra venditore e acquirente o tra acquirente e agente immobiliare.

Durante l’open house possono visitare l’immobile diverse persone, il numero può variare in base alla capienza. Quindi, le porte di casa si aprono a un certo numero di persone che vedranno contemporaneamente l’immobile. I vantaggi sono diversi.

Vantaggi dell’open house

Un primo vantaggio è soprattutto per chi vende perché l’immobile andrà sistemato una sola volta e non ogni volta che si vorrà mostrare ad un acquirente. Avremo certamente un ingente tasso di stress in meno. In secondo luogo l’open house avvantaggia anche l’agente immobiliare che non dovrà prendere diversi appuntamenti per mostrare l’immobile, ma farà tutto in un’unica visita o al massimo un paio.

Il vantaggio più interessante, però, è la possibilità di vendere più rapidamente e meglio l’immobile. Questo sarà possibile perché tra i potenziali acquirenti – che ricordiamo visitano in contemporanea l’immobile – si potrebbe generare un meccanismo di competizione che consentirà al venditore di accelerare i tempi: se stai pensando di acquistare una casa che ti interessa, ma vedi concretamente che ci sono altri interessati come te, sei portato a decidere più rapidamente per non rischiare di perdere la possibilità. 

Inoltre si può presumere che chi ha visitato l’immobile farà a sua volta una buona pubblicità alla sua cerchia di conoscenti: la possibilità di vendere aumenta.

Svantaggi dell’open house

Gli svantaggi si manifestano quando il gruppo di visitatori è troppo grande, soprattutto se l’immobile è piccolo. Inoltre è necessario organizzare l’happening nel momento di massimo splendore dell’immobile. Dunque la mal organizzazione di un Open House è il più grande nemico della riuscita di questo metodo di vendita. 

Organizzare un open house

In linea generale è sempre bene organizzare tutto dopo aver già condotto l’analisi urbanistica e catastale, in modo da avere chiara la situazione. Non solo, se si dispone di una certificazione immobiliare si può vendere casa con più possibilità di successo. Basta richiedere un check up della casa! Con l’aiuto dei nostri professionisti si possono effettuare un sopralluogo, valutazione  dello stato dell’immobile e tutti i controlli necessari al catasto.

Quando si dispone di tutta questa documentazione si può organizzare l’Open House: è molto utile prevedere una sessione di home staging, poiché bisogna studiare tutto nel dettaglio e per questo è consigliato l’intervento di un professionista, in modo da risparmiare tempo e tantissimo stress.

Un’idea interessante potrebbe essere quella di fornire ai partecipanti una brochure informativa dell’immobile con le caratteristiche tecniche della casa ed anche, se possibile, la storia dell’immobile. Questo vale soprattutto per gli immobili storici che magari hanno ospitato famiglie conosciute note del nostro territorio: si sa che gli aneddoti suscitano sempre quel pizzico di interesse e curiosità in più.

Anche la logistica dell’appuntamento non dev’essere trascurata, per esempio, se la casa si trova in una zona molto trafficata, prevedere l’evento durante le ore di minor flusso sarà certamente l’idea migliore. 

Il ruolo dell’agente immobiliare

Durante un open house Il personaggio principale è la casa e l’agente immobiliare è l’attore non protagonista. Sarà presente, ma con discrezione, si occuperà di relazionarsi coi presenti, pronto a chiarire dubbi e a spiegare eventuali dettagli. Il suo ruolo sarà quello di mediatore “discreto” . In genere i dettagli economici vengono rinviati ad un appuntamento provato in ufficio.

In conclusione

Profilare bene il target è Il principale ingrediente per la buona riuscita dell’open house: non si può aprire casa indistintamente a tutti, meglio un piccolo gruppo, col quale avremo già avuto modo di parlare a priori, che sia già fortemente interessato all’immobile. Così si avranno concrete opportunità di vendita.

Necessiti di consulenza ed ulteriori dettagli per organizzare il tuo Open House?
Affidati ai nostri professionisti

Curiosi di sapere altro sul vastissimo mondo dell’immobile?

Consultate il nostro Blog

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Confronto immobili